Home » blog » L’ansia invisibile – quando l’ansia entra nel quotidiano
Ansia invisibile - come combatterla - Violante Veronesi psicologa e psicoterapeuta

L’ansia invisibile – quando l’ansia entra nel quotidiano

Tabella dei Contenuti

Introduzione sull’ansia invisibile

Oggi tutti sappiamo qualcosa sull’ansia. Perché l’abbiamo studiata, perché la viviamo, perché la percepiamo nelle persone che ci sono vicine o per sentito dire. A volte conosciamo anche dei modi per uscirne. Perché parliamo di ansia invisibile?

Per lo stile di vita che conduciamo, arriviamo a credere che sia normale conviverci e che per trattarla magari sia sufficiente una lezione di yoga o un farmaco. Senza nulla togliere all’una e all’altro, a volte convivere con l’ansia può essere faticoso e dannoso e bisogna intervenire in modo diverso.

L’ansia è un problema di molti oggi. Impatta in modo significativo sulle nostre vite, ma non è facilmente riconoscibile.

In questo articolo esploreremo le dinamiche dell’ansia che a tratti sembra invisibile, la sua influenza nella vita quotidiana e cosa possiamo fare per gestirla.

L’ansia invisibile è una forma di ansia che si manifesta a livello psichico e corporeo, che vive in latenza e si nasconde nel quotidiano, manifestandosi nel modo in cui percepiamo gli eventi della nostra vita. 

Si presenta con una sensazione di dis-regolazione del seguente meccanismo: le richieste gravano sulla persona e superano la sua capacità di gestirle. Gli stimoli percepiti attivano delle risposte biologiche, che la preparano a fuggire, reagire o ad anestetizzarsi.

Queste reazioni sono comportamenti ereditati dall’uomo preistorico e sono inadeguate in certi contesti umani e lavorativi.

L’ansia può essere legata ad una serie di fattori, tra cui vale la pena menzionare la famiglia, il lavoro, le difficoltà relazionali, i problemi finanziari e le aspettative legate alla propria auto-realizzazione.

Divenire consapevoli e riconoscere l’ansia

La principale sfida nell’affrontare l’ansia invisibile è quella di imparare a riconoscerla. Per tutta una serie di motivazioni, tendiamo ad abituarci a vivere costantemente in tensione o in uno stato di preoccupazione, senza avere modo e tempo di chiederci e renderci conto che qualcosa non va, che non fluisce liberamente. 

I sintomi

L’ansia può essere lieve, moderata o grave e può coesistere con altri sintomi. I sintomi più comuni dell’ansia invisibile includono le difficoltà legate al sonno, uno stato di fatica cronica e stress, accompagnato dalla sensazione generalizzata di malessere e demotivazione.

Le cause

Le cause sono rintracciabili nel qui e ora, come negli irrisolti del passato. Tendenzialmente le cause sono cumulative. Fattori personali, relazionali, lavorativi si intersecano inglobando la persona in una rete.

I fattori che determinano il modo in cui le persone vivono e reagiscono sono molti:

  • la percezione delle situazioni
  • le esperienze passate
  • il sostegno sociale e familiare
  • le differenze individuali
  • le caratteristiche di personalità

Gli effetti

In generale l’ansia può avere una storia di lunga durata o presentarsi senza preavviso. Si può essere inclini o meno a soffrirne. Ognuno ha i suoi tempi e in ognuno si manifesta in modi diversi.

L’ansia può produrre impatti significativi sulla vita delle persone, perché può manifestare una tendenza a divenire cronica.

Agisce sul sistema neuro-psicologico, psicosomatico, relazionale e sulla produttività generale, nonché sul piacere di vivere, che ne risente in modo particolare.

Ansia e salute psicosomatica

  • sintomi fisici, quali: mal di testa frequenti o continui
  • disturbi del tratto gastrointestinale
  • difficoltà a rilassarsi

Ansia e salute mentale

L’impatto sul benessere psicologico è notevole. La persona nella rete invisibile dell’ansia può arrivare a non capirsi e a non essere capita. Tenderà ad isolarsi, a percepire solitudine profonda. E questo la porterà a compensare in modi variegati.

Potenzialmente in funzione di ciò potrebbe essere esposta al rischio depressivo. Inoltre sarà incline ad una maggiore vulnerabilità rispetto a stress, cambiamenti e traumi. 

Un sintomo generalizzato riconducibile a questo tipo di ansia è la sensazione di sopraffazione ed inadeguatezza.

Relazioni Personali

Le tensioni e lo stress legati o correlati all’ansia possono influire negativamente sulle relazioni personali. Le persone potrebbero diventare irritabili o distanti, trovandosi a vivere conflitti all’interno delle loro famiglie, luoghi di lavoro e con gli amici. Senza però rendersi conto che alla base di tutto vi è questa forma di disequilibrio.

Produttività

Sul fronte lavorativo, l’ansia invisibile può ridurre la performance legata ad aspetti quali la produttività e la concentrazione. Le persone potrebbero avere difficoltà a concentrarsi sul lavoro a causa delle costanti preoccupazioni e possono sviluppare maggiori livelli di burnout.

Affrontare l’Ansia Invisibile

È importante affrontare l’ansia invisibile prima che possa divenire cronica. Ci sono diverse strategie che possono aiutare a gestire questo tipo di ansia:

  • le tecniche di gestione dello stress a livello cognitivo ed anche a livello corporeo, che possono aiutare a ridurre la sintomatologia, consentendo alla persona una migliore qualità della vita, nel breve periodo. Nel primo caso si va ad implementare una migliore strategia organizzativa della propria vita, nel secondo si impara a riconoscere nel corpo la sintomatologia, coadiuvandone il rilascio.

Conclusioni

L’ansia invisibile è un problema diffuso che può avere significative conseguenze sulla nostra vita. Tuttavia, con l’identificazione precoce e le adeguate strategie di gestione e coping, è possibile affrontarla con successo. Non sottovalutate e non lasciate che vi impedisca di vivere una vita felice e sana.

Domande Frequenti

1. Cos’è l’ansia invisibile?

L’ansia invisibile è una forma di stress che non è facilmente riconoscibile, ma che può avere un impatto significativo sulla nostra vita.

2. Quali sono i sintomi dell’ansia invisibile?

I sintomi dell’ansia invisibile possono includere insonnia, fatica cronica e sintomi fisici come mal di testa e tensione muscolare.

3. Come posso affrontare l’ansia invisibile?

È possibile affrontare l’ansia invisibile attraverso la consulenza psicologica, tecniche di rilassamento e una gestione efficace dello stress.

4. Quali sono gli effetti dell’ansia invisibile?

L’ansia invisibile può influire sulla salute fisica e mentale, sulle relazioni personali e sulla produttività.

5. È importante affrontare l’ansia invisibile?

Sì, è importante affrontare l’ansia invisibile prima che possa causare danni duraturi alla nostra salute e al nostro benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Tutti i post ——–>

La Psicosomatica: un ponte tra mente e corpo

La Psicosomatica: un ponte tra mente e corpo

Introduzione Comprendere i Disturbi Psicosomatici: Contributi della Ricerca I disturbi psicosomatici rappresentano una categoria di condizioni in cui il disagio fisico è fortemente influenzato da