Home » blog » Fantasie sessuali da isolamento

Fantasie sessuali da isolamento

Tabella dei Contenuti

Oggi affronteremo un nuovo tema, seppur già citato nell’articolo precedente: le fantasie sessuali da isolamento.

“All’inizio della pandemia (…) molte persone volevano scoprire perché non avevano esplorato parti [nuove] della loro identità sessuale. Alcuni potrebbero aver pensato che fosse “sbagliato”, ma l’isolamento dalla società ha permesso loro di capire in primo luogo quali sono i loro desideri “, dice Oriowo. “La pandemia cambia sicuramente la vita, quindi ha perfettamente senso che stiano emergendo nuove fantasie”, afferma Norén.

Secondo una ricerca del Kinsey Institute, le persone che sono single e vivono da sole potrebbero sperimentare tassi più elevati di solitudine e hanno maggiori probabilità di esplorare nuove fantasie sessuali durante la pandemia. Secondo lo studio del Kinsey Institute, il 17% dei partecipanti ha aggiunto “almeno una nuova attività sessuale nella propria vita sessuale dall’inizio della pandemia”. Alcune delle novità sessuali più comuni includono il sexting, l’invio di nudi e la condivisione di fantasie sessuali con i partner.

Il porno a tema Covid-19.

L’industria della pornografia spesso produce contenuti tempestivi sugli eventi mondiali, sia per il fattore di novità che per lo scopo di trarre vantaggio da un argomento di ricerca popolare. “Si può vedere il nuovo genere pornografico con protagonista Covid-19 come un modo per le persone di affrontare la pandemia. La fantasia sessuale offre uno spazio sicuro in cui esplorare cose che non sono sempre sicure, cosa che il Covid-19 certamente non lo è. ”

La “nuova normalità” sta rimodellando la vita sessuale delle persone, ma si può lavorare per costruire nuovi immaginari personali e di coppia.

In assenza di sintomi da Covid-19, per non dare l’errata informazione di sottovalutare i rischi e le implicazioni connesse al contagio, fare sesso con un partner con cui si vive o di cui si è sicuri, può fare bene alla salute. Vivere relazioni sessuale sane, è di aiuto nell’aumentare la resilienza rispetto alla gestione dello stress e anche in termini preventivi per la salute psico-corporea.

Ci sono ancora forti tabù sulle relazioni, sul sesso poi, non ne parliamo.

Uno degli aspetti che interferiscono con la sessualità è la rigidità degli schemi cognitivi con cui si pensa alla sessualità.

Verso una flessibilità sessuale.

Nella sessualità più si è flessibili nel rispetto di se e degli altri, più si può maturare. Il fatto di migliorare la propria flessibilità sessuale può essere proprio ciò di cui le persone hanno bisogno per ravvivare le loro vite. Utilizziamo la metafora del cibo. Proprio per attivare la flessibilità mentale, immaginiamo una scena sessuale come fosse un menu a ristorante. Nell’interazione sessuale hai questo menù, tra cui puoi selezionare quello che desideri e poi anche proporre il tuo. Alcuni avranno un menu più grande, perché hanno più cose a cui hanno pensato, mentre altri avranno un menu più esclusivo. Si tratterà poi di capire gli elementi di quel menu che potrebbero rappresentare dei desiderata per ognuno. Potrebbero esserci voci di menu che rientreranno tra i preferiti, per alcuni ci sarà una disponibilità a provare, altri si sentiranno meno sicuri/e. Immaginiamo cosa succederebbe se un ingrediente tra i preferiti non fosse disponibile o se ci fosse un nuovo chef, quindi una proposta diversa, con tempi e stimoli differenti? Ci si propone di guardare alle deviazioni nei copioni sessuali, come ai cambiamenti di un menù, la cui scelta implicherà delle differenze nelle risposte del desiderio dei partner e anche una crescita delle persone a livello sessuale.La facilità con cui si può cambiare il proprio approccio, modificare le strategie per il sesso o pensare a diverse opzioni per adattarsi alle mutevoli situazioni sessuali compongono la flessibilità, in virtù della quale una bassa flessibilità sessuale, sarebbe da paragonare ad una idea/risposta rigida sul menu di cui parlavamo. Gli individui in grado di provare strategie alternative ai copioni sessuali preferiti, siano in grado di affrontare meglio problemi sessuali acuti e cronici, sono più aperti all’esplorazione delle proprie fantasie.

Il sesso in pandemia può essere trasformato in una ricerca attiva e creativa. Di spazi, di tempo, di nuovo. Per le coppie, più o meno giovani in termini di età e durata, si tratta di imparare a giocare, diversificare, cercare occasioni, creare, prendersi del tempo che sia di qualità. I single in assenza di contatti diretti, possono far leva sulla funzione del desiderio, fondamentale perché si rimanga sessualmente attivi. L’immaginazione può tranquillamente essere considerata un preliminare. La sessualità prima ancora che fisica è mentale. Quindi, avanti fantasia. Ci sono molti modi per provare piacere sessuale senza contatto fisico: divertirsi con la masturbazione solitaria, i giocattoli sessuali e il telefono o il sesso in webcam.

Nuovi sapori potrebbero ravvivare il menu. Coloro cercano di espandere la propria flessibilità, il proprio menu sessuale, ma non sanno come iniziare, possono iniziare con una conversazione (probabilmente scomoda) sulla sessualità con il/l’amante. L’auto-rivelazione, il confronto su fantasie sessuali, curiosità, tabù, può portare alla costruzione di un menu, consensuale e reciprocamente piacevole. In qualche modo la pandemia costringe ad usare l’immaginazione e ad aggiungere sensualità al repertorio sessuale. Ci si può rendere conto di essere tanto presi dalla fisicità del sesso al punto da non impegnarsi con la propria mente.

Ci sono prove che coloro che adattano la loro vita sessuale in modi creativi stanno prosperando, nonostante la tempesta pandemica vorticosa. Mentre quasi la metà della popolazione studiata ha riportato un declino della propria vita sessuale, coloro che ampliano il loro repertorio sessuale includendo nuove attività, provando nuovi rapporti sessuali, posizioni o condivisione di fantasie sessuali, hanno una probabilità tre volte maggiore di vedere migliorare la loro vita sessuale.

Non è mai tardi per riPensare la propria sessualità:

  • Scoprire i propri gusti personali
  • Prendersi del tempo per pianificare da solo/a o in coppia. >> Fare caso ai rapporti richiede un lavoro ed uno sforzo da entrambi i partner.
  • Prestare attenzione all’intimità, dedicate un po’ di tempo per pensare e parlare delle cose più intime, obiettivi, paure e desideri, concentrandosi su quello che potrebbero far crescere l’intimità.
  • Ritagliarsi un po’ di tempo per il divertimento, fate qualcosa di divertente insieme al partner, ad esempio quand’è stata l’ultima volta che avete giocato come bambini? ⠀
  • Focus sensualità ad esempio un massaggio, il bagno insieme, imboccare il partner e così via, concentratevi sull’attività in sé godendovi ogni momento senza necessariamente ricadere nel rapporto sessuale.
  • Sessualità & sesso, potete sperimentare tutto ciò che vi attrae.

Respirare alcuni minuti e poi riflettere.

Ti senti: CONTRO la Routine o PRO Routine

“Ogni atto creativo è sempre in qualche misura un trascendere in cui devono agire due fattori: l’ispirazione e la passione”.

Mi sono soffermata sulle parole utilizzate da una collega, che condivido, in tempi in cui la comunicazione fa terrorismo e molti danni: “spero che continueremo ad avere conversazioni sociali più ampie sulla solitudine, sull’importanza del tocco umano, sulla salute mentale e sulla sessualità come parte importante della nostra umanità”, afferma McDevitt.

Secondo il mio punto di osservazione ovvero nella ricerca della forza spirituale della salute psicofisica, “è solo nella perfetta armonia tra corpo, mente ed emozioni che possiamo raggiungere un senso di integrità morale e personale, di amore per gli altri e rapporto con il divino. Grazie a questo sublime equilibrio è possibile conseguire quello stato di grazia tanto difficile da ottenere nella vita odierna” (A. Lowen, La spiritualità del corpo).

La salute unisce, il dolore separa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Tutti i post ——–>

La Psicosomatica: un ponte tra mente e corpo

La Psicosomatica: un ponte tra mente e corpo

Introduzione Comprendere i Disturbi Psicosomatici: Contributi della Ricerca I disturbi psicosomatici rappresentano una categoria di condizioni in cui il disagio fisico è fortemente influenzato da